Informiamo che in questo sito sono utilizzati solo “cookies tecnici” necessari per ottimizzare la navigazione; il presente sito può consentire l’invio di “cookies di terze parti”. Non sono utilizzati cookies di profilazione. Puoi avere maggiori dettagli e indicazioni sull’uso dei cookies utilizzati dal presente sito visionando l’informativa estesa (pagina privacy, su menu principale). Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, anche mediante l’accesso ad altra area o selezione di un elemento dello stesso (ad esempio un’immagine o un link), ciò comporta la prestazione del consenso all’uso dei cookies specificati nell’informativa estesa (art. 4.1. Provv. Generale n. 229 dell’8.05.2014 Garante Privacy).  

Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta il nostro utilizzo da parte dei cookie.

Stampa
Categoria: CIRCOSCRIZIONI GIUDIZIARIE
Visite: 985

La Corte costituzionale si pronuncerà tra circa dieci giorni sull'ammissibilità del referendum abrogativo della riforma della geografia giudiziaria, promosso dalle Regioni: Abruzzo, Piemonte, Marche, Puglia, Friuli Venezia Giulia,Campania, Liguria, Basilicata e Calabria. 


Il procedimento, infatti, è il primo del ruolo della camera di consiglio fissata per il 15 gennaio prossimo. 

Per la prima volta nella storia repubblicana i Consigli regionali si sono avvalsi della facoltà di promuovere un referendum abrogativo.

L'opinione, largamente condivisa da avvocatura , sindacati, e tantissimi enti oocali, è che la riforma delle circoscrizioni giudiziarie, voluta dal governo Monti, con il ministro Severino, ed attuata dal governo Letta, con il ministro Cancellieri, abbia prodotto pesanti disservizi e discriminazioni, con grave penalizzaziione dei bacini di utenza coinvolti dalle chiusure degli uffici.

Daltronde, il Ministero ad oggi non è riuscito a risolvere i tanti problemi sorti con gli accorpamenti, e purtroppo, come succede a Salerno, moltissime cause civili hanno subito e subiranno nei prossimi mesi, pesanti rinvii. 



Dopo il disco verde della Cassazione sulla regolarità formale delle delibere con le quali i nove Consigli regionali hanno chiesto di sottoporre a giudizio popolare la riforma, la Consulta dovrà valutare se il sistema giustizia possa funzionare anche abrogando la riforma, nel caso di una vittoria dei sì al referendum.

Il clima non pare favorevole ai promotori, specie dopo le prese di posizione del Capo dello Stato, ed il tentennare dei partiti di governo, con in testa il PD che, alla Camera, ha preso sempre posizione contro l'abrogazione.