Informiamo che in questo sito sono utilizzati solo “cookies tecnici” necessari per ottimizzare la navigazione; il presente sito può consentire l’invio di “cookies di terze parti”. Non sono utilizzati cookies di profilazione. Puoi avere maggiori dettagli e indicazioni sull’uso dei cookies utilizzati dal presente sito visionando l’informativa estesa (pagina privacy, su menu principale). Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, anche mediante l’accesso ad altra area o selezione di un elemento dello stesso (ad esempio un’immagine o un link), ciò comporta la prestazione del consenso all’uso dei cookies specificati nell’informativa estesa (art. 4.1. Provv. Generale n. 229 dell’8.05.2014 Garante Privacy).  

Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta il nostro utilizzo da parte dei cookie.

Stampa
Categoria: Codice deontologico
Visite: 1098

 

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 16 ottobre n. 241 il Nuovo Codice deontologico forense, destinato ad aggiornare le regole deontologiche applicabili agli avvocati. Il Nuovo Codice, approvato dal CNF sulla base delle previsioni della legge di riforma dell’ordinamento della professione forense (L. 247/2012) stabilisce le norme di comportamento che l'avvocato è tenuto ad osservare in via generale e, specificatamente, nei suoi rapporti con il cliente, con la controparte, con altri avvocati e con altri professionisti.

Le previsioni deontologiche tutelano l’affidamento della collettività ad un esercizio corretto della professione che esalti lo specifico ruolo dell’avvocato come attuatore del diritto costituzionale di difesa e garante della effettività dei diritti, salvaguardandosi, al contempo, quella funzione sociale della difesa richiamata anche nelle disposizioni di apertura della legge n. 247/2012. Nello specifico, il Nuovo Codice contempla i “canoni” che impongono una “condotta irreprensibile”, requisito necessario per l'iscrizione all'albo e per mantenere detta iscrizione. Detto Codice prevede altresì i “principi” ai quali l’avvocato deve uniformarsi esercitando la professione e le “norme di comportamento” che è tenuto ad osservare in via generale (oltre a quelle che è tenuto ad osservare specificamente nei rapporti con certi soggetti). La violazione di tutti i doveri, di tutte le regole di condotta, di tutti i canoni, di tutti i principi e di tutte le norme di comportamento previste dal codice deontologico forense costituisce illecito disciplinare.

Il ripensamento del codice nato nel 1997, con le modifiche che ne hanno, a più riprese, scandito gli oltre diciassette anni di vita, è stata anche l’occasione per rivalutarne e riconsiderarne la struttura, mirandosi ad una razionalizzazione del testo, per riorganizzarlo secondo un impianto più moderno e meno frastagliato.

Il modificato assetto ordinamentale prevede l’introduzione di due nuovi Titoli, uno (il IV) riservato ai doveri dell’avvocato nel processo, riunendosi in un unico ambito tutte quelle previsioni deontologiche attinenti alla tipicità della funzione difensiva che risultavano in qualche modo disperse in diverse parti dell’attuale codice, l’altro dedicato ai doveri verso le Istituzioni forensi alla luce del rafforzamento che vi è stato del rapporto avvocato/istituzione nell’ambito della legge n. 247/2012. Coerente è apparsa poi la scelta di riunire e raccogliere nell’ambito del Codice deontologico le varie disposizioni di carattere disciplinare che si rinvengono sia nella legge n. 247/2012, sia, con un fenomeno che si è andato accentuando negli ultimi tempi, in ambiti di legislazione speciale, con lo Stato che è divenuto fonte della normazione deontologica attentando all’autonomia dell’ordinamento forense come unica fonte di norme deontologiche.

Il Nuovo Codice si compone di 73 articoli raccolti in 7 Titoli: il primo (artt. 1-22) individua i principi generali; il secondo (artt. 23-37) è riservato ai rapporti con il cliente e la parte assistita; il terzo (artt. 38-45) si occupa dei rapporti tra colleghi; il quarto (artt. 46-62) attiene ai doveri dell’avvocato nel processo; il quinto (artt. 63-68) concerne i rapporti con terzi e controparti; il sesto (artt. 69-72) concerne i rapporti con le Istituzioni forensi; il settimo (art. 73) contiene la disposizione finale, che prescrive l’entrata in vigore del Nuovo Codice a partire dal 15 dicembre prossimo, decorsi 60 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.