Informiamo che in questo sito sono utilizzati solo “cookies tecnici” necessari per ottimizzare la navigazione; il presente sito può consentire l’invio di “cookies di terze parti”. Non sono utilizzati cookies di profilazione. Puoi avere maggiori dettagli e indicazioni sull’uso dei cookies utilizzati dal presente sito visionando l’informativa estesa (pagina privacy, su menu principale). Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, anche mediante l’accesso ad altra area o selezione di un elemento dello stesso (ad esempio un’immagine o un link), ciò comporta la prestazione del consenso all’uso dei cookies specificati nell’informativa estesa (art. 4.1. Provv. Generale n. 229 dell’8.05.2014 Garante Privacy).  

Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta il nostro utilizzo da parte dei cookie.

la Camera Arbitrale delle Imprese, sezione della Camera Arbitrale Internazionale (marchio registrato UE) per il biennio 2022-2024, seleziona n. 15 Giudici Arbitri (con particolare specializzazione in ambito societario/commerciale) che dovranno presentare la propria candidatura entro il 9 marzo 2022.

L'ulteriore selezione è conseguenza di due importanti Partnership che porteranno all'attivazione di n. 100 sedi dislocate sull'intero territorio nazionale (che si aggiungono alle 40 già attive) oltre che l'amministrazione di procedimenti arbitrali anche in modalità telematica a livello internazionale e in ultimo l'istituzione, presso le nostre Sedi, di Organismi della Composizione della Crisi da sovraindebitamento. 

L’Arbitrato è un procedimento utile a risolvere controversie civili e commerciali, alternativo alla Giustizia Ordinaria, che si svolge in contradditorio tra le parti e al termine del quale un soggetto non togato (o un collegio) incaricato dai litiganti decide la controversia mediante l'emanazione di un Lodo, equiparato ad una Sentenza.

La Camera Arbitrale Internazionale è un organismo privato tra i più importanti in Italia che amministra procedimenti nazionali e internazionali, nelle seguenti materie: diritti reali, condominio, locazioni, responsabilità civile, patti di famiglia, controversie in materia di famiglia (se arbitrabili), controversie successorie, diritto dei contratti, affitto di aziende, controversie bancarie, finanziarie, societarie, risarcimento derivante da responsabilità medica e da diffamazione a mezzo stampa, diritto del lavoro, della previdenza e dell’assistenza sociale, diritto amministrativo, diritto internazionale, diritto del commercio internazionale, diritto dell’Unione Europea e tutto ciò che attiene ai diritti disponibili.

Aderire alla Camera Arbitrale Internazionale garantisce altresì i seguenti servizi: 

  • Iscrizione alla Camera Arbitrale Internazionale in qualità di "Giudice Arbitro".
  • Attestato di appartenenza all'organismo.
  • Corso di Formazione in modalità e-learning sul "Diritto dell'Arbitrato" con rilascio attestato e materiale didattico, che verterà sui seguenti argomenti: Arbitrato Rituale e Irrituale, L'arbitrato Amministrato e l'arbitrato ad hoc, La convenzione Arbitrale, I soggetti dell'arbitrato, Gli Arbitri e il contratto di Arbitrato, Diritti e Doveri dell'Arbitro, L'inizio della procedura arbitrale, L'atto introduttivo, La risposta, I termini, Deposito del lodo, Gli onorari previsti per l'Arbitro, il Regolamento Arbitrale e le modalità operative.
  • Accesso all'area riservata dell'organismo. Nell'area riservata il singolo arbitro caricherà i propri dati, curriculum, specializzazioni e il profilo sarà visibile alle parti che intendono iniziare un procedimento presso la Camera Arbitrale Internazionale.
  • Seminari in aula e/o su piattaforma e-learning. Le attività formative verteranno su tematiche inerenti l'interpretazione delle leggi, l'ADR ed in specie l'Arbitrato che garantiranno agli Avvocati e Praticanti abilitati 5 crediti annui validi ai fini della formazione obbligatoria.
  • Percorso di formazione in tema di Negoziazione e sull'arte del negoziato (ciclo di 10 lezioni).
  • Corso di Formazione sulla "Cross-examination applicata alla Procedura Arbitrale".
  • Corso di Formazione sul "Ruolo del Segretario nella Procedura Arbitrale".
  • Newsletter, articoli, sentenze rilevanti in materia di ADR e Arbitrato.


Accedendo al seguente link potrà visionare una rassegna stampa riguardante il nostro organismo: https://cameraarbitraleinternazionale.it/parlano-di-noi/

La quota annua di adesione alla Camera Arbitrale Internazionale, che garantisce i servizi sopra elencati, oltre che l'inserimento nell'elenco nazionale dei Giudici Arbitri, è di euro 90,00 (novanta) per il primo anno, mentre per gli anni successivi, salvo recesso, la quota annua di rinnovo è di € 50,00 (cinquanta). La prima annualità scadrà il 31 dicembre 2022. 


REQUISITI: Per entrare a far parte della Camera Arbitrale è necessario: a) Essere in possesso di diploma di laurea almeno triennale oppure b) Essere iscritto a un Ordine o a un Collegio Professionale (geometri, periti industriali, agronomi, ragionieri) o in alternativa dimostrare un'esperienza di almeno 5 anni nel settore di riferimento. Gli Arbitri possono essere sia cittadini italiani sia stranieri. Non possono essere Arbitri i minori, gli interdetti, gli inabilitati, i falliti e coloro che sono sottoposti a interdizione dai pubblici uffici.
 
COME PRESENTARE ISTANZA DI AMMISSIONE.
 
1. Gli interessati dovranno inviare apposita domanda di adesione nella quale saranno riportati: i dati anagrafici, le materie prescelte, l'indicazione dell'albo di appartenenza, le regioni/province dove si intende operare.

La domanda reperibile al seguente link:
https://www.cameraarbitraleinternazionale.com/diventa-giudice-arbitro/diventa-giudice-arbitro

dovrà essere inviata a mezzo PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
" target="_blank">cameraarbitraleinternazioQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

2. Il Consiglio Direttivo valuterà la richiesta e, qualora ci siano i requisiti, entro 5 giorni lavorativi, invierà sempre a mezzo PEC il parere favorevole, invitando l'interessato a formalizzare l'iscrizione e chiedendo di provvedere:

a) Al pagamento della quota di 90,00 euro (esente iva) una tantum che oltre all'iscrizione alla Camera Arbitrale, comprenderà tutto quanto indicato nella domanda di ammissione;

b) All'invio dei seguenti documenti:
 

  • Curriculum vitae
  • Fotocopia documento
  • Fotocopia c. fiscale
  • Autocertificazione carichi pendenti

 
Le ricordiamo che, essendo una selezione con posti limitati, a parità di condizioni farà fede la data di invio della domanda.

Per ogni Arbitrato amministrato avverrà una nomina, da parte della Camera Arbitrale Internazionale, che terrà conto della localizzazione, materia della controversia e che in ogni caso avverrà turnariamente. 

Pin It