Informiamo che in questo sito sono utilizzati solo “cookies tecnici” necessari per ottimizzare la navigazione; il presente sito può consentire l’invio di “cookies di terze parti”. Non sono utilizzati cookies di profilazione. Puoi avere maggiori dettagli e indicazioni sull’uso dei cookies utilizzati dal presente sito visionando l’informativa estesa (pagina privacy, su menu principale). Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, anche mediante l’accesso ad altra area o selezione di un elemento dello stesso (ad esempio un’immagine o un link), ciò comporta la prestazione del consenso all’uso dei cookies specificati nell’informativa estesa (art. 4.1. Provv. Generale n. 229 dell’8.05.2014 Garante Privacy).  

Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta il nostro utilizzo da parte dei cookie.

Da IL DUBBIO del 30 maggio 2023

ESAME DA AVVOCATO, SISTO RILANCIA: “SI CAMBIA MODELLO”

 

La circolare di inizio mese con la quale il Ministero della Giustizia ha comunicato che la prova di abilitazione alla professione forense nel 2023 si sarebbe tenuta nelle modalità precedenti alla pandemia Covid, ossia con una prima prova scritta, seguita da una orale, ha creato molta preoccupazione negli aspiranti avvocati che ormai si stavano preparando ad affrontare l’esame con la modalità “emergenziale” del doppio orale.

Il Consiglio nazionale forense e l’Associazione giovani avvocati avevano inviato lettere formali a via Arenula, rivolte direttamente al guardasigilli Carlo Nordio e, nel caso di Aiga, al viceministro Francesco Paolo Sisto, delegato ai rapporti con le professioni. Massima istituzione dell’avvocatura e Aiga erano state chiare: non si può pretendere che i praticanti riconvertano all’improvviso la loro preparazione, da tempo calibrata sul “doppio orale” introdotto con l’emergenza Covid.

Dopo le iniziative di Greco e del vertice della giovane avvocatura, Francesco Paolo Perchinunno, era arrivata una prima apertura dal ministero, per voce di Sisto: «C’è stata una levata di scudi, va detto». Ora proprio il vice ministro alla Giustizia ci annuncia importanti novità: «Consapevole di dare una svolta all’esame di accesso alla professione forense rendendolo davvero indicativo della capacità di essere avvocati, il Ministero sta pensando di istituire per l’anno 2023 un modello sperimentale. Ossia una prova “giudiziaria” scritta su materia a scelta del candidato che così potrà provare di essere in condizioni di difendere su una di queste materie: penale, civile, amministrativo».

Quanto alla prova orale, spiega Sisto, «sarà riproposta la soluzione del caso pratico che ha dato ottima prova di sé durante il periodo Covid, sempre su materia a scelta del candidato». L’orale sarà completato «dall’esame su tre materie - di cui una procedurale – fra diritto penale, civile, amministrativo, procedura penale e procedura civile».

Il Ministero è alacremente al lavoro per rendere possibile questa scelta nei prossimi giorni. Questa soluzione sarebbe stata ritenuta preferibile rispetto alla semplice proroga dell’attuale modalità di esame.

CONSIGLIO DELL’ORDINE DEGLI AVVOCATI DI SALERNO

 

 

AVVISO

 

IL GIORNO 01 GIUGNO 2023

GLI UFFICI RESTERANNO CHIUSI

 

 

SALERNO,26/05/2023

 

IL CONSIGLIERE SEGRETARIO

AVV. GIOVANNI ALLEGRO

 

Scarica qui il documento

In data 23 maggio 2023 è stato siglato e sottoscritto  Protocollo per il procedimento D’Appello in materia di lavoro e di previdenza e di